“In Israele servono nuove elezioni”, perché Benny Gantz ha lasciato il governo

RMAG news

Alla fine, ha sbattuto la porta e se n’è andato. Meglio tardi che mai. In Israele terremoto politico annunciato: il presidente del partito di Unità Nazionale, Benny Gantz, si è dimesso. Gantz, che è stato fino a domenica sera uno dei tre membri del Gabinetto di guerra di Netanyahu, ha annunciato ufficialmente la sua uscita dal governo.

«Oggi lasciamo il governo di unità nazionale, con il cuore pesante, ma con tutto il cuore» ha detto in conferenza stampa. «Netanyahu ci impedisce di progredire verso una vera vittoria e non bisogna lasciare che la nostra nazione si distrugga».

Le dimissioni dell’esponente politico israeliano erano attese già sabato, ma la conferenza stampa è stata rinviata in seguito all’operazione dell’Idf nella striscia di Gaza che ha portato al salvataggio di 4 ostaggi.

Nelle scorse settimane Gantz aveva lanciato un ultimatum chiedendo un piano per la fine della guerra: “Netanyahu ci impedisce di avanzare verso la vera vittoria”, ha dichiarato.

“Le decisioni strategiche vengono affrontate con procrastinazione ed esitazione a causa di considerazioni politiche”, ha spiegato l’ex capo di Stato maggiore.

“Dopo il 7 ottobre, come hanno fatto centinaia di migliaia di israeliani patriottici, ci siamo messi a disposizione. Lo abbiamo fatto anche se sapevamo che si trattava di un cattivo governo. L’abbiamo fatto proprio perché sapevamo che era un cattivo governo”, ha proseguito.

“Abbiamo formato un governo di emergenza per una partnership segnata dal destino, non per una partnership politica. Mesi dopo il disastro di ottobre, la situazione nel paese è cambiata”, ha rimarcato Gantz.

Ancora: “Lo Stato di Israele ha bisogno e può ottenere una vera vittoria. Una vera vittoria mette il ritorno a casa dei rapiti al di sopra della sopravvivenza al potere. Una vera vittoria unisce il successo militare con un’iniziativa politica e civile”.

“Una vera vittoria porterà al collasso di Hamas e alla sua sostituzione. Una vera vittoria consiste nel riportare a casa sani e salvi gli abitanti del nord. Una vera vittoria consiste nello stabilire un’alleanza regionale contro l’Iran guidata dagli Stati Uniti con tutto il mondo occidentale. Una vera vittoria è cambiare le priorità nazionali, ampliare la cerchia dei servizi e dei servitori, e assicurarsi che Israele sia capace di affrontare le sfide che deve affrontare”, ha insistito.

Il leader centrista ha invitato Netanyahu a fissare una data per le elezioni. Secca la replica del Primo ministro: «Israele è impegnato in una guerra esistenziale su più fronti» ha scritto su X Benjamin Netanyahu, «Benny, non è il momento di abbandonare la campagna: è il momento di unire le forze».

Netanyahu ha poi promesso di andare avanti fino alla vittoria e al raggiungimento di tutti gli obiettivi della guerra, «in primis il rilascio degli ostaggi e l’eliminazione di Hamas».

Intanto, il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir, numero uno del partito di estrema destra Jewish Force, ha chiesto di entrare nel gabinetto di guerra israeliano dopo le dimissioni di Benny Gantz.

“La realtà politica israeliana – rimarca Yossi Verter, tra i più accreditati analisti israeliani, firma storica di Haaretz – così come l’abbiamo conosciuta negli ultimi otto mesi, sta per subire un cambiamento fondamentale. Il governo perderà il giubbotto antiproiettile che lo ha protetto dalla comunità internazionale. Perderà il certificato kosher che lo ha aiutato a sembrare responsabile ed equilibrato, e meno estremo, messianico e razzista. Netanyahu ha ripetutamente violato i termini dell’accordo di coalizione che aveva con il Partito di Unità Nazionale, umiliandolo, insultandolo e talvolta persino incitandolo. Col suo abbandono, gli ultimi resti della sua legittimità pubblica in un Israele sano di mente evaporeranno nell’aria calda dell’estate”.

Sul fronte ostaggi, l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di concludere un accordo separato con Hamas per la liberazione di cinque ostaggi dalla doppia cittadinanza se l’attuale sforzo negoziale non dovesse produrre risultati.

È quanto riporta Nbc News citando quattro fonti Usa. I rapiti coinvolti sarebbero Edan Alexander, Sagui Dekel-Chen, Hersh Goldberg-Polin, Omer Neutra e Keith Siegel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *